Accendere un mutuo per acquistare la casa dei sogni!

L’acquisto della casa dei sogni non è affatto un miraggio: basta accendere un mutuo e cercare i tassi di interesse più vantaggiosi!

Se volete acquistare la casa dei sogni ma non disponete di tutta la liquidità necessaria, non è il caso di entrare nel panico. Ciò che bisogna fare, infatti, è stipulare un contratto per ottenere un prestito. Solitamente sono le banche o gli Istituti di credito specializzati ad offrire questo tipo di servizio – comunemente chiamato mutuo – ma, prima di firmare un accordo che va necessariamente rispettato entro i tempi previsti, è bene effettuare un controllo sulla base di differenti preventivi. Ma come fare per compiere questo tipo di operazione?

Il mutuo: affidarsi, per prima cosa, ai comparatori online.

In primis è indispensabile essere a conoscenza dei comparatori di mutuo che, anche online, sono in grado di proporre e, appunto, comparare una moltitudine di preventivi. Una volta scelto il mutuante migliore è necessario contattarlo per capire concretamente quali sono le clausole a cui tenere fede. Infatti in tutti i casi è indispensabile che il mutuatario, ossia colui che riceve in prestito una data somma di denaro per l’acquisto dell’immobile, debba fornire effettive garanzie all’istituto di credito o alla banca.

mutuo

Uno dei fattori più importanti da tenere in considerazione riguarda gli interessi, ossia un plus che sarà aggiunto al prestito complessivo e che può variare a seconda della modalità contrattuale scelta. Gli interessi, tuttavia, è bene che non risultino mai usurari, pena la revocazione del mutuo stesso. Nel momento in cui ci si accinge a firmare un contratto di questa entità è fondamentale affidarsi a professionisti esperti che siano in grado di tutelare una o più parti. Figura di spicco, a tale proposito, è quella notarile, preposta appunto a garantire la trasparenza e l’affidabilità dell’intero processo e di ogni sua singola parte.

Solitamente proprio coloro che intendono firmare un contratto per l’acquisto di una “prima casa” oltre  a essere i più inesperti sono anche i più agevolati poiché, questo tipo di modalità contrattuale, consente a chi richiede il mutuo di avere consistenti sgravi fiscali. Sulla seconda casa, al contrario, gli sgravi saranno minori e le clausole ben più rigide, poiché si tende a pensare che le condizioni economiche di coloro che richiedono un prestito per un secondo immobile siano migliori di quelle di chi ne richiede uno per la prima casa. La seconda casa, non sempre ma spesso, è infatti una casa vacanza o un bene di lusso.

 

Comments are closed.