Come conviene investire ai giovani

Vediamo cosa conviene fare ai risparmiatori più giovani quando hanno iniziato un’attività lavorativa ma vivono ancora in famiglia e riescono a risparmiare. Far fruttare i propri soldi anziché tenerli depositati senza produrre reddito, è lo scopo di quasi tutte le persone sensate.

Per un giovane in questi momenti così delicati, dove le certezze non esistono più, a cominciare dalla pensione. Dopo i cambiamenti legislativi degli ultimi tempi che hanno tolto ai giovani ciò che i loro padri avevano conquistato con coraggio, sacrifici e sofferenza, con le lotte sindacali per avere una vita più dignitosa, per i diritti che dovrebbe avere chiunque lavora onestamente nel rispetto dei doveri che gli sono stati assegnati.

Da qui il giusto motivo per il quale i giovani, non solo hanno il diritto ma anche il dovere di pensare al proprio futuro. Domani la pensione non sarà adeguata per permettergli di vivere sicuri insieme alla propria famiglia, quindi risparmiare oggi per avere le spalle coperte domani.

Aprire un conto corrente

La prima cosa che devono fare è: aprire un conto corrente, stando attenti ad evitare che le spese e le commissioni bancarie siano esose. Non è all’interesse che bisogna guardare, che è talmente minimo che neanche si vede, ma al costo di gestione, l’apertura di un conto bancario, comporta spese trimestrali di tenuta conto e inoltre si aggiungono anche le spese di ogni scrittura, cioè per ogni operazione che viene effettuata, quelle per l’invio dell’estratto conto e delle informazioni periodiche, l’imposta di bollo sugli estratti conto e così via.

Di solito Poste Italiane offre condizioni migliore delle banche, mediamente si può risparmiare anche un terzo della spesa. Appena sul conto corrente il giovane ha a disposizione una cifra abbastanza consistente è il momento di scegliere uno strumento più adatto e redditizio per i suoi risparmi.

 

Vediamo quali sono le forme di investimento migliori

 

I risparmi affinché fruttino, non bisogna tenerli fermi in un libretto di deposito o addirittura depositati sul conto corrente. Un investimento a breve termine è sconsigliato, in questo momento i BOT e neppure i Buoni Postali danno rendimenti positivi, sono addirittura più bassi del tasso di inflazione.

Più adatti ai giovani sono I conti corrente Web, diventati l’equivalente informatico dei libretti di risparmio di quando avere i soldi in banca equivaleva a dire rendimenti sicuri e costanti. Adatti ai risparmiatori più giovani sono i PAC (Piani di accumulo), di lunga durata, anche perché agli inizi, nella maggior parte dei casi avranno pochi soldi da far fruttare. Nel campo dei Buoni del Tesoro sono preferibili i BTP a tasso fisso anche di lunga durata.

Molti giovani laureati e non, si avventurano con strumenti di investimenti molto più redditizi ma anche con un grado di rischio maggiore, come ad esempio il trading on-line o il Forex. Le loro capacità informatiche e un attento studio dell’Analisi Tecnica degli strumenti e delle piattaforme che gli consentono di operare on-line su tutti i mercati finanziari, studiano i movimenti grafici degli indicatori come le bande di Bollinger per individuare il trend delle valute e la volatilità dei prezzi. Molti di loro riescono a guadagnare molto bene.

 

Comments are closed.