Immobiliare: le previsioni per le nuove costruzioni

I dati che interessano il mercato immobiliare italiano sono di grande importanza per gli addetti ai lavori, ma anche perché riflettono nel complesso lo stato di salute economico del paese. L'investimento immobiliare ha, infatti, subito un forte stop negli ultimi anni, ma si sta recentemente 'riprendendo', grazie alle mutate situazioni economiche.

Investire nel mattone fa gola a molte persone, soprattutto a chi desidera costruirsi un futuro o fare degli investimenti immobiliari. Non stupisce sapere che le previsioni che interessano le grandi città quali Milano, Roma e le nuove costruzioni a Torino stiano segnando un indice positivo, perché positiva è la visione che l'economia ha di questa tipologia di investimenti.

Le ragioni sono varie e interessano in primis il costo minore della terra, che in tempi recenti si è assestato ai minimi storici. Acquistare ad un prezzo favorevole il terreno di destinazione dell'immobile significa partire con un buon vantaggio, perché si tratta di una base che può solo salire nel corso del tempo sotto il punto di vista del suo valore. La ragione del successo delle nuove costruzioni va quindi ricercata negli incentivi, che si propongono di sgravare fiscalmente le nuove costruzioni che seguono un indirizzo energeticamente positivo. Le persone possono quindi contare su un rimborso annuale, che permette loro di 'respirare' e di recuperare parte delle somme spese.

Nello specifico, infatti, la legge di Stabilità di quest’anno prevede la detrazione dall’Irpef, di una quota pari alla metà dell’importo IVA pagato per l’acquisto di una casa (ristrutturata oppure acquistata direttamente nuova dal costruttore), purchè rientri in una classe energetica A o B.  Il rimborso dovuto viene poi “spalmato” in rate a partire dall’anno in cui è stata effettuata la spesa e nei successivi 9 anni, per un totale di 10 rate. Un esempio pratico: se si decide di acquistare una casa del valore complessivo di centomila euro, l’IVA al 10% corrisponderebbe a diecimila euro, il 50% (ossia 5000 euro) verrà dilazionato in 10 rate (una l’anno) da 500 euro.

Non va nemmeno sottovalutata la questione dell'accesso al credito. Gli istituti bancari stanno, infatti, concedendo mutui a tassi molto agevolati e questa condizione permette alle famiglie, alle giovani coppie ma anche ai singoli di attivare un investimento che si propone decisamente positivo e favorevole dal punto di vista finanziario. Mutui economici, basso costo del terreno e rimborsi fiscali agevolati sono quindi gli ingredienti che permettono alle nuove costruzioni di fiorire e di segnare un andamento positivo, da qui agli anni che verranno.

Comments are closed.