Pannelli fotovoltaici, incentivi e assicurazioni

Chi decide di installare un impianto fotovoltaico in Italia può approfittare degli incentivi fiscali previsti dalla legge. La posa di pannelli fotovoltaici, infatti, è equiparata a qualunque altro tipo di ristrutturazione edilizia, e di conseguenza può usufruire delle detrazioni fiscali del 50%. In pratica, lo Stato, invece di erogare degli incentivi sul quantitativo di energia prodotta, come accadeva in passato con le tariffe incentivanti, offre l’opportunità di dimezzare i costi, rimborsando la metà delle spese sostenute da chi ha scelto il fotovoltaico.

Occorre ricordare che la liquidazione del denaro non avviene tramite l’erogazione di soldi in contanti o con bonifico, ma semplicemente attraverso sgravi fiscali che vengono diluiti nei dieci anni seguenti all’anno in cui l’impianto è stato installato. Lo sgravio fiscale al momento è previsto fino al 31 dicembre del 2015, ma non è da escludere che venga stabilita una proroga nei prossimi mesi. Vale la pena di sottolineare, inoltre, che esso non va confuso con le detrazioni fiscali al 65% relative al risparmio energetico, che si applicano unicamente con gli impianti solari termici, e quindi non con quelli fotovoltaici.

Chi sceglie di ricorrere a un impianto fotovoltaico, inoltre, ha la possibilità di stipulare tramite Internet una polizza che lo riguardi. Trovare un’assicurazione online in questo ambito non è difficile, in quanto sono numerose le proposte che si possono trovare, in proposito, sul web. Tra l’altro, è bene ricordare che la sottoscrizione di una polizza, pur non essendo obbligatoria, è comunque fortemente consigliata e suggerita: non solo perché garantisce la tutela dell’impianto e mette al riparo da eventuali imprevisti economici, ma anche perché costituisce uno dei requisiti più importanti necessari per avere accesso al Conto Energia del Gestore dei Servizi Energetici, e dunque per ottenere i finanziamenti.

A favore del settore fotovoltaico le compagnie propongono, in genere, delle coperture assicurative specifiche, riguardanti vari tipi di rischi: per esempio, il fermo dell’attività nel caso di un’azienda, ma anche gli eventi naturali come la neve, il vento e la grandine, con i danni che essi possono causare, oltre agli eventi accidentali, quali per esempio fenomeni elettrici, guasti meccanici, incendi o altri tipi di inconvenienti ben poco piacevoli.

Comments are closed.